MAGGIO RODIGINO 2019

Torna il Maggio Rodigino, per la sua terza edizione che promette un mese pieno di iniziative culturali per la città. L’edizione 2019 è stata presentata oggi, venerdì 14 dicembre, all’interno della sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, a palazzo Cezza, sala degli Stucchi.

Il Maggio Rodigino è il più grande progetto di eventi culturali e di spettacolo della città di Rovigo, organizzato dalla Fondazione per lo Sviluppo del Polesine in campo letterario, artistico e musicale, con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, la Fondazione Banca del Monte di Rovigo e in collaborazione con il Comune di Rovigo e sostenuto da vari sponsor che hanno rinnovato il loro impegno per sostenere la cultura in città.

Anche nel 2019, quindi, per tutto il mese di maggio, le piazze, le strade e i luoghi più affascinanti del centro storico si riempiranno di iniziative e di appuntamenti culturali pensati per ogni fascia d’età e per tanti settori diversi. Protagonisti scrittori, giornalisti, cantanti, musicisti e artisti che regaleranno emozioni, occasioni di riflessione e di nuovi incontri. Il tutto per promuovere una città viva e attiva, che festeggia la primavera della cultura.

“Siamo lieti di annunciare l’edizione 2019 di questo progetto – spiega Virgilio Santato, presidente della Fondazione per lo sviluppo del Polesine -. Segno di una permanenza di intenti e di impegno a fronte del risultato delle presenze registrate negli anni scorsi e della qualità degli eventi proposti. La terza edizione conferma l’impianto organizzativo dello scorso anno, facendo rete con il territorio e aprendo un bando rivolto a tutti i cittadini, le associazioni e i commercianti che vogliono proporre eventi da inserire nel cartellone. Ringrazio, ovviamente, tutti gli sponsor che ci sostengono in questo impegno”.

Come l’anno scorso, faranno parte del Maggio Rodigino i festival culturali Rovigoracconta, Contaminazioni, Festival Biblico e Rovigo Comics. Ognuno con un diverso pubblico di riferimento e una diversa identità, ma con lo stesso obiettivo di valorizzare una intera provincia attraverso percorsi culturali fruibili da un vasto pubblico.